Blog

LINFODRENAGGIO –  METODO VODDER

LINFODRENAGGIO – METODO VODDER

CHE COS’E IL LINFODRENAGGIO MANUALE METODO VODDER?

Il linfodrenaggio è una tecnica manuale, che rientra nell’ambito del massaggio terapeutico e, come tale, richiede una formazione specifica da parte dell’operatore che lo voglia eseguire in modo corretto, professionale ed efficace.

La creazione di questa tecnica si deve alla geniale intuizione del dott. Emil Vodder, kinesiterapista danese con una buona formazione scientifica (studi di medicina, biologia e filosofia).
Egli, insieme alla moglie Estrid, lavorò come massoterapista negli anni ’32 -’36 in un istituto di cure fisiche a Cannes specializzato nella cura delle forme croniche di catarro.

Qui, Vodder ebbe modo di trattare un giovane paziente inglese affetto da tonsillite cronica. Utilizzando delicati movimenti rotatori dei polpastrelli lungo le vie di deflusso linfatico della pelle di collo, gola e spalle, riuscì ad ottenere un miglioramento straordinario delle condizioni di salute del paziente, risolvendo la patologia.
L’utilizzo dello stesso tipo di manualità su numerosi altri pazienti affetti da sinusite cronica o simili patologie otorinolaringoiatriche, con il riscontro del medesimo risultato, condusse, a poco a poco, alla codificazione di una precisa tecnica, che venne presentata al pubblico, per la prima volta, nel 1936, riscuotendo notevole successo.

 

CHE COS’E’ IL SISTEMA LINFATICO?

Oltre al sistema vascolare che tutti conosciamo, è presente nel nostro organismo il sistema linfatico, anch’esso costituito da vasi, chiamati vasi linfatici, al cui interno scorre la linfa: un liquido incolore e trasparente che arriva a degli organi di filtraggio chiamati linfonodi. Essi, sono piccole ghiandole, sparse per tutto il corpo e concentrate principalmente nella zona inguinale, al lato del collo e sotto le ascelle. Questi veri e propri organi che, oltre a filtrare la linfa,  hanno il compito di produrre i globuli bianchi, e sono quindi stazioni di difesa immunitaria.

Nella linfa sono dunque presenti i globuli bianchi, deputati alle difese immunitarie dell’organismo e che, ad esempio, in caso di una ferita, ne permettono la guarigione; infatti, grazie al linfodrenaggio, in presenza di ferite (anche chirurgiche) o processi irritativi localizzati della cute (es. acne) è facile assistere a un miglioramento dello stato dei tessuti corporei e quindi alla loro guarigione.

 

 

 

IN COSA CONSISTE QUESTO TIPO DI MASSAGGIO?

Il linfodrenaggio tratta le zone interessate segmentariamente avvalendosi di manovre avvolgenti e leggere, in cui è essenziale una buona manualità, eseguite con un ritmo lento che rispetta i tempi di contrazione delle unità funzionali del sistema linfatico. Il paziente viene trattato dal cuoio capelluto ai piedi, quindi nella sua totalità. È un tipo di massaggio estremamente rilassante!.

Il drenaggio linfatico può essere solo manuale. I primi capillari linfatici, infatti, sono sotto l’epidermide a circa 2mm. Non c’è pertanto bisogno di spingere molto perché la linfa scorre nell’80% in superficie e solo nel 20% in profondità. Bisogna dunque prima drenare la linfa in superficie e solo successivamente lavorare sulla loggia profonda. Con la pressoterapia si riesce solo a lavorare sulla loggia profonda. Ancora una volta dunque, abbiamo la spiegazione riguardo l’importanza della manualità!

QUALI SONO GLI EFFETTI E DOVE AGISCE IL LINFODRENAGGIO MANUALE METODO VODDER?

Sistema Nervoso Vegetativo: svolgendo attività simpaticolitica, cioè abbassando il tono del S.N. Simpatico e alzando quello del Parasimpatico che rallenta l’attività di organi e apparati (attività antistress) e attività analgesica (riduce il dolore). L’effetto analgesico si ottiene attraverso l’inibizione della trasmissione del dolore al cervello attivando un meccanismo di antagonismo con i nocicettori.

Sulla muscolatura liscia e striata: liscia del linfangione, dello sfintere muscolare precapillare, di organi cavi (stomaco, intestino, ecc.). Il LINFODRENAGGIO riduce il tono muscolare, con effetti benefici sui valori pressori e circolatori. A livello intestinale, il LINFODRENAGGIO armonizza la peristalsi. Infatti, si usa sia nella stipsi che nella diarrea. Questo massaggio libera l’autoritmo. Utile, anche, nel post intervento alla vescica. Sulla muscolatura striata, scioglie le contratture grazie all’effetto analgesico e drenante delle tossine accumulate nel muscolo. Favorisce la rimozione dell’acido lattico senza provocare dolore.

Effetto drenante dei liquidi e altre sostanze depositate nei tessuti: Il LINFODRENAGGIO favorisce il drenaggio dei liquidi e delle scorie e tossine accumulati nel tessuto connettivo, migliorando gli scambi metabolici. Si ottiene l’effetto di svuotamento del tessuto.

Attività di stimolo del sistema immunitari: L’effetto immunostimolante è tuttora oggetto di studio per una conferma ufficiale ma la pratica di migliaia di terapisti di LINFODRENAGGIO VODDER, lo ha dimostrato: la persona trattata diventa più resistente alle infezioni.

INDICAZIONI AL LINFODRENAGGIO met. Vodder

-Patologie del sistema linfatico:
LINFEDEMI PRIMARI O CONGENITI, LINFEDEMI SECONDARI O PATOLOGICI

-Patologie del sistema circolatorio:
EDEMI E ULCERE DA STASI VENOSA AGLI ARTI INFERIORI

-Patologie dell’anca:
COXARTROSI (artrosi dell’anca), POSTINTERVENTO DI PROTESI ALL’ANCA

-Patologie della spalla:
EPICONDILITE LATERALE O MEDIALE, CAPSULITE RETRATTILE, PERIARTRITE, LUSSAZIONI DI VECCHIA DATA

-Patologie del ginocchio:
GONARTROSI (infiammazione e dolore dell’articolazione del ginocchio)

-Patologie infiammatorie croniche:
SINUSITE CRONICA FRONTALE E MASCELLARE, BRONCHITE CRONICA, ASMA BRONCHIALE, RINITE CRONICA, OTITI CRONICHE Disturbi intestinali: STIPSI CRONICA, COLITE SPASTICA

-Patologie del sistema uditivo:
SINDROME DI MENIERE, ACUFENI, IPOACUSIA, TINNITO

-Patologie dermatologiche:
PSORIASI, ECZEMI ALLERGICI E CRONICI, ACNE E FORUNCOLOSI CICATRICI (cheloidi)

-Patologie neurologiche:
PARALISI DEL NERVO FACCIALE, MALATTIA DEL TRIGEMINO

-Patologie reumatologiche:
ARTRITE E POLIARTRITE, ARTRITE REUMATOIDE (anche in fase acuta)

-Patologie muscolo-scheletriche:
ESITI DI FRATTURE, LUSSAZIONI E DISTORSIONI COLPO DI FRUSTA (cervicale), SINDROME TUNNEL CARPALE, DITO A SCATTO DISTROFIA DI SUDECK LOMBOSCIATALGIA, CONTRATTURE MUSCOLARI SCLERODERMITI, BORSITI OSTEOPOROSI EDEMI LOCALI post traumatici INFIAMMAZIONI LEGAMENTOSE, ALLUCE VAL

Altro:
EMICRANIA E CEFALEA: da STRESS + da PROBLEMI DIGESTIVI (stitichezza) da PROBLEMI ORMONALI (correlato al ciclo mestruale) CELLULITE EDEMATOSA, SCLEROSI MULTIPLA, ESITI DI INTERVENTI ESTETICI, Sindrome da STRESS

L’effetto posseduto dal LINFODRENAGGIO di aumentare il flusso linfatico e di lenire il dolore, riveste notevole importanza nel trattamento di traumatismi recenti, così come dopo traumi sportivi. Questa tecnica si avvale di movimenti ritmici, lenti e di grande precisione.La durata di ogni singolo trattamento è di 50 – 60 minuti. Risulta estremamente rilassante e priva di effetti collaterali. Per ottenere la massima efficacia possibile deve essere eseguita da terapisti che abbiano seguito una formazione adeguata.

 

Le controindicazioni del metodo Vodder

Il metodo Vodder presenta delle controindicazioni che potrebbero peggiorare o complicare eventuali patologie in atto, quali ad esempio :

  • infiammazioni acute
  • tumori maligni non trattati
  • infezioni
  • allergie
  • trombosi venosa profonda, tromboflebiti
  • edemi degli arti provocato da un’insufficienza cardiaca
  • insufficienza cardiaca
  • bronchiti acute
  • malfunzionamenti renali o epatici         

 

PRENOTA IL TUO MASSAGGIO PRESSO ALEPH STUDIO DI DISCIPLINE OLISTICHE CHIAMANDO AL 391.1866962

"Poichè tutto è un riflesso della nostra mente, Tutto può essere cambiato dalla nostra mente."

Buddha