Blog

AUTOGUARIGIONE

AUTOGUARIGIONE

“Tutti noi, o quasi tutti, abbiamo vissuto problemi di salute, malattie, dolore, ma tutti vorremmo che ci fossero estranei. E la maggior parte di noi desidererebbe vivere una vita diversa, senza sofferenze, con più energia, sentendosi meglio.

Ma è possibile? Non è troppo tardi per provarci?

Sì, è possibile. E non è troppo tardi.

Le risposte sono nel vostro stesso corpo. Questa è la verità. Il vostro corpo ha una capacità congenita di curare se stesso, un sistema incredibile di auto-riparazione che ci accompagna ogni giorno, e voi potete migliorare la sua efficacia.

Tuttavia, la maggior parte delle persone non si rende conto di questa incredibile potenzialità del nostro corpo, soprattutto perché la medicina tradizionale ha fatto ben poco per sfruttarla e incoraggiarla, sottolineando invece che la salute viene da fuori e non da dentro. Sapevate, ad esempio, che molte malattie guariscono da sole con il tempo? E che molto spesso noi non siamo neanche coscienti di averle avute? E vero!”

Mi piace raccontare la storiella dello studente di medicina che segue il corso di patologia. Una mattina, dopo la lezione, dice al professore: «Con tutte queste malattie, non capisco come si riesca a sopravvivere». E il professore gli risponde: «Quando studierai come funziona il corpo, ti chiederai come sia possibile ammalarsi».

Il nostro corpo è progettato per ripararsi e per difendersi dalle malattie e dai traumi. Siamo a tutti gli effetti creature che si guariscono da sole. Ne avete avuto la conferma molte volte anche voi. Se vi tagliate mentre vi fate la barba o se vi escoriate un ginocchio, vedete che il processo di guarigione comincia quasi immediatamente. All’interno del vostro corpo cellule sanguigne specializzate, le piastrine, sigillano la ferita coagulandosi, per arrestare il flusso del sangue. I globuli bianchi vengono inviati sul posto per combattere i batteri che potrebbero entrare nell’organismo attraverso la ferita. E i globuli rossi accorrono per nutrire di ossigeno i tessuti. Nel giro di qualche giorno, la ferita diventa una cicatrice e poi sparisce, grazie alla squadra naturale di «paramedici cellulari».

Anche se avete subito una frattura avete visto l’autoguarigione all’opera. Dopo qualche settimana di gesso, l’osso guarisce e torna ad essere un osso sano, riparandosi da solo. Quando il medico toglie il gesso e dice: «Ecco, come nuovo», non sta scherzando!

Il potere di guarire se stessi

Ciascuno di noi è unico e diverso dagli altri, fisicamente, emotivamente e spiritualmente, e tutti noi abbiamo necessità uniche per la cura della nostra salute. Idealmente, dovremmo essere curati secondo la nostra individualità, ma la scienza medica tende a curare la malattia seguendo protocolli e terapie standard, anziché focalizzandosi sulla singola persona.

Naturalmente, ci hanno sempre detto di correre dal dottore ai primi sintomi di un disturbo e di farci prescrivere un farmaco, che a volte funziona e a volte no. Vogliamo curare il sintomo, e non pensiamo che forse deve essere curata la sua causa. Inoltre, spesso deleghiamo quasi tutto il nostro potere decisionale al medico curante. Questo ci rende dipendenti da lui e mina la nostra responsabilità individuale di raggiungere e mantenere la salute.

La dipendenza da terzi non è la migliore strada possibile verso la salute e l’autoguarigione. Al contrario, è nostra responsabilità essere i custodi e i protettori della nostra salute. Le statistiche ci dicono che le cure mediche influenzano la nostra salute solo per il 10%; il restante 90% è dovuto alle nostre scelte di stile di vita, e a come e dove viviamo. La medicina non può avere il controllo di questi fattori, ma noi possiamo! 

Avere cura di sé: il segreto della guarigione

Fortunatamente, un numero sempre crescente di persone si chiede: esiste un modo migliore per restare in salute? Esiste un modo migliore per tornare sani? Non c’è qualcosa di meglio? Le risposte sono sì, sì e sì. Quando avrete compreso e assimilato questo concetto, vorrete voi stessi che l’autoguarigione diventi un principio ispiratore della vostra vita.

Ci sono tante scelte di vita che aiutano il vostro corpo a curarsi da solo. Ecco qualche esempio:

  • Il movimento fisico guarisce. Immaginatevi di essere a casa, davanti alla televisione, mentre fuori è una bella giornata. Però siete stanchi, forse anche depressi. Allora, alzatevi dal divano, spegnete la TV e andate a farvi una passeggiata. All’inizio può essere difficile, ma più camminate più cominciate a sentirvi bene, pieni di energia. Nel vostro organismo cominciano a circolare sostanze che fanno bene al morale. Il vostro cuore si rinforza. Il vostro metabolismo riparte. E questi effetti continuano per almeno 48 ore. Avete cominciato a guarire da soli!
  • Il sonno guarisce. Una notte di buon sonno rigenera il vostro organismo. Quando vi svegliate la mattina vi sentite rinnovati.
  • Un giusto peso corporeo guarisce. Se siete soprappeso, una modifica della vostra dieta e la perdita dei chili di troppo miglioreranno immediatamente la vostra salute. A quel punto potreste diminuire (o eliminare del tutto) la dose dei farmaci che prendete contro la pressione alta o il diabete. Ne beneficeranno le vostre articolazioni, il vostro cuore funzionerà meglio, semplicemente cambiando la vostra alimentazione e la vostra attività fisica!
  • Gli abbracci guariscono. Tutti quelli che mi conoscono sanno che credo negli abbracci. Qualcuno vi ha mai detto «Hai bisogno di un abbraccio?». Poi vi abbracciano e voi vi sentite meglio. Un abbraccio può fare molto. La scienza ha dimostrato che un semplice abbraccio rallenta il battito cardiaco, riduce la pressione e accelera perfino una convalescenza. Tutto con un semplice abbraccio!

Con questi pochi esempi, credo che possiate rendervi conto che tutti noi abbiamo la capacità di rendere la nostra guarigione più facile o più difficile con il nostro comportamento. E i miracoli? Sì, possono accadere e a volte accadono. Ma in generale quando si guarisce è il corpo che si guarisce da solo, e questo è il vero miracolo.

Il corpo è progettato per funzionare perfettamente. Contiene un’infinita saggezza ed enormi risorse che, nelle giuste condizioni, vincono le malattie, prolungano la vita e, letteralmente, fanno miracoli.

Guarire le proprie emozioni. I pensieri e i sentimenti negativi possono provocare dolori e malattie che scompaiono rapidamente quando modificate le cause. La guarigione delle proprie emozioni vi permette di raggiungere il sollievo dallo stress, un profondo rilassamento, un flusso energetico positivo, un livello di energia maggiore e focalizzato, vi permette di evitare gli incidenti, allevia i dolori muscolari e articolari, aumenta la vostra fiducia in voi stessi e in generale il vostro benessere.

Guarire il proprio spirito. Molti pensano che la salute sia una questione soprattutto fisica e al limite emotiva, ma in realtà è anche intensamente spirituale.

Se riuscite ad approfondire le vostre radici spirituali nella fede, o semplicemente sentendovi vicini alla natura, aiuterete voi stessi a guarire. La spiritualità dà significato e conforto durante una malattia; se vivete la malattia in modo più positivo, promuovete la vostra guarigione. Una malattia può anche aiutarvi a risvegliare la vostra spiritualità e aiutarvi a raggiungere la crescita spirituale. La vostra spiritualità, a sua volta, può sostenere e rafforzare la vostra capacità di guarire da soli, a volte in modo quasi miracoloso.

L’autoguarigione avviene quando riusciamo ad allineare i nostri lati fisico, emotivo e spirituale. Se lavoriamo ogni giorno per nutrire e curare questi tre lati, possiamo davvero raggiungere e sfruttare la nostra capacità di guarire. Il corpo umano è attrezzato per vivere bene e combattere le malattie, se gli diamo il nutrimento che gli serve.

I tre livelli della guarigione

La guarigione è molto di più del recupero della salute, è uno stile di vita, che ci riempie di energia e determinazione per farci superare i momenti difficili. Ma come ci arriviamo, esattamente? Dobbiamo cercare di raggiungere tutti e tre i livelli della guarigione.

Innanzitutto c’è il livello fisico, normalmente quello che ci interessa più direttamente. Certamente una guarigione avviene a livello fisico, ad esempio quando un osso si salda o una ferita si chiude. Otteniamo la guarigione anche quando mangiamo correttamente, prendiamo integratori, facciamo esercizio fisico e seguiamo la cura che il nostro terapeuta ci indica.

Poi c’è il livello emotivo, che parte dal pensiero. Il pensiero porta a provare emozioni, e razionalità ed emotività sono strettamente collegate tra loro. Se abbiamo pensieri negativi, anche le nostre emozioni saranno negative: paura, tristezza, frustrazione ed ansia. A sua volta la negatività può danneggiare la nostra salute e ostacolare il processo di guarigione, perché la mente controlla le nostre esperienze fisiche ed emotive.

Il livello spirituale è il terzo: a questo livello entriamo in contatto, in modo significativo, con quello che riteniamo sacro. La spiritualità, ottenuta attraverso la preghiera o l’apprezzamento della natura, dà alla vita un significato e uno scopo, ci collega a qualche cosa più grande di noi. Se mi sento spiritualmente equilibrato, sono in grado di ammirare le montagne, un tramonto o le onde dell’oceano e apprezzarne la profonda bellezza. Oppure sono portato a chiedermi che cosa posso fare per gli altri. Per molti di noi, la spiritualità significa il contatto con il divino, attraverso la preghiera, l’adorazione, la meditazione, o semplicemente la pace che proviamo in noi e attorno a noi.

Il più grande miracolo sulla terra è il corpo umano. È più forte e più saggio di quello che pensate. E ognuno di noi può migliorare la sua capacità di guarire. Cominciate a credere in questa vostra potenzialità, date al vostro corpo i nutrienti di cui ha bisogno, dategli gli strumenti per guarirsi da solo, eliminate gli ostacoli negativi e le interferenze… e il vostro corpo guarirà. E ora di sbloccare le vostre capacità di autoguarigione. 

 

Cosi scrisse Ippocrate:

La nozione di malattia presuppone l’esistenza di una molteplicità di elementi in relazione tra loro, cosicché l’alternativa è o negare l’esistenza delle malattie (e con esse della medicina) o riconoscere che l’uomo è costituito da una molteplicità di elementi ”.

La sua è una visione ‘olistica’. La salute non è niente altro che ‘Equilibrio’, ‘crasi’. La malattia è la mera manifestazione di un disquilibrio, ‘dis-crasia’. La guarigione consiste nel ristabilire un ‘buon equilibrio’, ‘eu-crasia’.

Ippocrate, osservando la Natura, notò che molti dei fenomeni (sintomi) della malattia non sono altro che tentativi di guarigione, “dunque perché non imitarli, perché non attivare la vis medicatrix naturae”?

"Poichè tutto è un riflesso della nostra mente, Tutto può essere cambiato dalla nostra mente."

Buddha